Gardening with love : Sostenibilità in giardino

Gardening with love : Sostenibilità in giardino


Ben ritrovati! Oggi carpiremo meglio il concetto sostenibilità in giardino ed il luogo nel quale esso è inserito. Vedremo come occuparci della scelta dei materiali che lo comporranno attraverso delle accortezze che potremo utilizzare.

Un giardino per essere "bello" deve essere oltre che progettato in base alle proprie esigenze; sano, produttivo e deve avere il minimo impatto sull'ambiente circostante ovvero sostenibile.

Tutto ciò è possibile solo grazie ad un'accortezza nella scelta dei materiali che lo compongono e sulla relazione con il contesto. Basta considerare il giardino come un'estensione della natura che ci circonda e che favorisce la crescita della fauna locale.

Sostenibilità

Per far si di avere una approccio sostenibile in giardino, si possono utilizzare i metodi sperimentati nel giardino organico. In realtà è la cosa più semplice da fare, infatti bisogna solo utilizzare tutti materiali tipici del luogo e di origine naturale.

Un aspetto importate è quello di mantenere il terreno ben areato e ricco di sostanze nutritive. Per far tutto ciò bisogna far in modo di avere in giardino tanti piccoli animaletti, se saremo stati bravi, molto probabilmente arriveranno da soli. Questo favorirà la crescita delle piante che attireranno i predatori naturali degli animali nocivi, innescando una reazione a catena autobilanciata.

E' sconsigliato l'utilizzo di pesticidi sintetici e gli erbicidi in quasi dovrebbero riportare sull'etichetta i possibili rischi ambientali che porranno, ovviamente l'utilizzo di sostanze naturali è da prediligere esclusivamente per le coltivazioni biologiche.

Un'attività  interessante da poter fare in giardino è quella di costruire la casetta contenitore per i semi per gli uccelli, ricordando he ogni specie ha esigenze diverse. Divertitevi a ricercare che tipi di volatili ci sono nel vostro ed inserite i semi per essi.

Risparmiare l'acqua Ricetta n°1

Per redere  un giardino autonomo oltre alla scelta di piante caratteristiche del luogo, l'irrigazione è uno degli aspetti più importati sia in termini di durata del giardino stesso, sia per quanto riguarda il costo dell'impianto stesso. Vediamo assieme i punti chiave.

L'acqua è l'elemento fondamentale per la crescita delle piante assieme alla luce. A seconda delle specie la necessità può variare in termini di quantità, ad esempio un cactus avrà bisogno di un'apporto di acqua minore di un potus. In estate molte piante hanno bisogno di un apporto di energia (acqua) maggiore per fronteggiare anche periodi di siccità. Diventa importate cosi capire quando e quanto annaffiare le nostre piante
Un consiglio utile per far evitare che le piante si secchino è quello di inserire nel terreno uno strato di composta da giardino o leteme per far sic he il suo materiale fibroso aiuti a mantenere l'acqua piuttosto che farla defluire. Oppure si pò mettere uno stato di pacciamatura per far in modo che l'umidità si trattenga al suo interno. A seconda della grandezza della pianta e del suo stato, come ad esempio le giovani plantule, insalata o fiori accanto ai muri che hanno bisogno di acqua in maniera più cadensata rispetto ad un arbusto o ad un albero adulto. Ricordarsi infine di annaffiare le piante sempre dalla base e mai sulle foglie.
L'utilizzo di dispositivi temporizzatori ci permette oltre che risparmiare del tempo, ma di assicurarci un'apporto idrico costante. Si possono utilizzare diverse tipologie di impianto di irrigazione come ad esempio a pioggia e a goccia a seconda della tipologia di piante e di giardino. Per le piante in vaso di solito è utilizzato l'impianto a goccia ad esempio. Esistono anche sitemi di irrigazione sensibili alla pioggia, essi permettono una migliore ottimizzazione dell'apporto idrico.

 

 

Vi aspetto al prossimo articolo e se avete delle richieste particolari da segnalare ecco il form per contattarmi.

COMMENTS

LEAVE A REPLY

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *